• Home
  • Notizie
  • Film Festival Diritti Umani 2018 - A Markus Imhoof il premio “Diritti Umani per l'Autore” e una retrospettiva a lui dedicata
10 Ago
18

Film Festival Diritti Umani 2018 - A Markus Imhoof il premio “Diritti Umani per l'Autore” e una retrospettiva a lui dedicata

Film Festival Diritti Umani 2018 - A Markus Imhoof il premio “Diritti Umani per l'Autore” e una retrospettiva a lui dedicata

In occasione della quinta edizione del  Film Festival Diritti Umani Lugano avrà luogo la consegna del Premio Diritti Umani per l’autore.  Il riconoscimento verrà consegnato al regista svizzero Markus Imhoof, cui verrà dedicata anche una retrospettiva. Questa è la prima importante novità della quinta edizione del Festival, che si svolgerà dal 9 al 14 ottobre 2018, nella storica sala del Cinema Corso.

Il Premio Diritti Umani per l’autore verrà proposto in questa quinta edizione del Festival per celebrare il 70mo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Una ricorrenza di grande spessore, che sarà a sua volta uno dei focus su cui porrà un’attenzione particolare l’edizione 2018 del Festival, in virtù della ricorrenza ma ancor più per il momento storico di grande incertezza a livello mondiale.

Nella sua straordinaria carriera, Markus Imhoof ha saputo immergersi nelle difficoltà umane con coraggio  e profonda condivisione, invitando lo spettatore a scoprire le realtà più complesse e oscurate della società nei paesi occidentali, passando dal documentario alla finzione, dal teatro al cinema, in un percorso artistico coraggiosamente coerente.
Autore svizzero eclettico, imprescindibile nel panorama cinematografico mondiale e due volte candidato all’Oscar, nella sua opera Imhoof racconta lo straniero, il confine, il travaglio umano ; temi che troviamo a partire da LA BARCA È PIENA (1981, Orso d’oro a Berlino e candidato all’ Oscar per il miglior film straniero), al più recente ELDORADO (presentato al Sundance, alla Berlinale 2018, candidato ufficiale della Svizzera agli  Oscar 2019 per il miglior film straniero). 

Nel suo lavoro più recente, ELDORADO, Imhoof accosta e collega tra loro due racconti – uno drammaticamente odierno e uno più intimo, vissuto dall’autore bambino durante la seconda guerra mondiale - mettendo in risalto la consonanza nel tempo del dramma dei rifugiati. Proprio l’esperienza personale è spunto e occasione alla narrazione cinematografica, che diventa in ELDORADO il filo conduttore nella testimonianza delle più recenti vicende migratorie attraverso il Mediterraneo verso il nord Europa.

La quinta edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano porrà l’accento sui numerosi temi dell’attualità quali l’immigrazione, le gravi conseguenze umane dovute all’inquinamento e allo sfruttamento ambientale, la memoria di genocidi del passato, alcuni dei quali volutamente dimenticati e che non hanno ancora ricevuto giustizia. Il Festival proporrà sull’arco di cinque giorni una ventina di film - siano essi fiction, documentari o di animazione – provenienti dalla più recente produzione cinematografica internazionale; tra essi alcune prime visioni svizzere. I film saranno accompagnati da forum di approfondimento e di dialogo con alcuni dei registi e protagonisti dei film; una preziosa occasione per ascoltare le testimonianze dirette e l’intervento di esperti dei temi proposti dai film stessi.
E’ questo dei Forum, infatti, un momento irrinunciabile del Film Festival Diritti Umani Lugano, che consente al pubblico di conoscere e comprendere profondamente le diverse forme di violazione dei diritti e della dignità umana, dai più evidenti soprusi spesso messi in risalto dalla cronaca, agli aspetti meno palesi e più celati, che possono coinvolgerci, inconsapevolmente, nel quotidiano.

In questo senso prosegue e si amplia la collaborazione con le scuole superiori, professionali e universitarie del Cantone. Per sensibilizzare i giovani, testimoni di un mondo in continuo mutamento, dove I valori umani vengono sempre più spesso messi in secondo piano.

Si rinnova anche il partenariato con il Dipartimento Federale degli Affari Esteri, per noi una collaborazione prestigiosa, che conferma l’importanza del nostro Festival quale promotore del dibattito sui diritti umani, soprattutto in occasione del 70mo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Il Festival non sarà solo cinema, ma anche musica e arte: sono infatti in definizione un concerto e una mostra di cui vi daremo notizia nelle prossime comunicazioni.
Il programma completo del Festival sarà presentato ai media il prossimo 27 settembre nell’ambito della conferenza stampa.