• Home
  • Notizie
  • Il Nuovo Vangelo di Milo Rau nelle sale ticinesi
08 Ago
22

Prime anticipazioni sul Film Festival Diritti Umani Lugano 2022

Prime anticipazioni sul Film Festival Diritti Umani Lugano 2022

La nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano si svolgeré dal 19 al 23 ottobre.

Anche quest’anno il FFDUL, grazie alla forza artistica dei film e all’intensità dei dibattiti, si riconfermerà un luogo privilegiato di riflessione, di scambio, e di discussione sui Diritti Umani, in particolar modo alla luce di ciò che accade nel mondo, in cui violazioni e disuguaglianze sono sempre più presenti.

Cinque giorni di festival, film, incontri e approfondimenti con ospiti internazionali e locali, fondazioni, ONG, testimoni, autori, per favorire il coinvolgimento e la sensibilizzazione sulla violazione, ma anche la conquista e la riconquista dei Diritti Umani.

I luoghi

Il Festival si svolgerà anche quest’anno nel cuore della città di Lugano, principalmente nella storica sala del Cinema Corso con il sostegno del Cinema Iride come seconda sala.

Il coinvolgimento di giovani e studenti, che negli anni si è profilato tra i momenti più ricchi e intensi del festival, rimane un obiettivo fondamentale, parte integrante della mission del festival, con proiezioni dedicate al pubblico scolastico del Cantone.

Le tematiche

Molte le tematiche trattate dai film di questa nuova edizione del FFDUL, festival che ogni anno si impegna a far luce anche su realtà poco conosciute o purtroppo dimenticate, così come a quei diritti umani violati, più sopiti e nascosti, del nostro quotidiano.

Il Festival, che segue già da anni ciò che accade nell’area di influenza dell’Ex Unione Sovietica, il conflitto nell’est dell’Ucraina ma anche le derive autoritarie dei governi dei paesi della regione da sempre sotto il controllo del governo russo, porrà in questa edizione un’attenzione particolare a questa regione e alla guerra in Ucraina grazie alle opere di molti cineasti che negli ultimi anni hanno raccontato questi territori, quello che vi è accaduto e che ha portato a ciò che stiamo vivendo oggi.

La prima novità

Tra le novità di questa nona edizione, siamo lieti di annunciare, nell’ambito della consolidata collaborazione con l’Associazione ADER/S (Associazione per lo Sviluppo delle Energie Rinnovabili, Sahara/Solare/Solidale), l’avvio di un progetto che coinvolge il CISA (Conservatorio Internazionale di Scienze Audiovisive con sede a Locarno), l’Escuela de Formación Audiovisual Abidin Kaid Saleh situata nei campi rifugiati saharawi a Tindouff (Algeria) ed il Festival internacional de cine Sahara con sede a Madrid (FISAHARA).

Il progetto permetterà lo scambio tra studenti, avvicinerà due realtà di vita e di storia diverse tra loro e porterà alla realizzazione di un film di diploma di uno studente del CISA che verrà realizzato nei prossimi mesi nei campi rifugiati e vedrà anche la presenza di studenti della scuola saharawi in Ticino.

Il progetto è sostenuto inoltre dai Comitati Svizzeri di Sostegno al Popolo del Sahara Occidentale e dal Gruppo di Appoggio di Ginevra per protezione e la promozione dei diritti umani nel Sahara Occidentale.

Vedi i primi titoli annunciati qui >

Condividi